news

TAGLI AL SOCIALE: IL COMUNE DI ROMA NE DISCUTE SU TWITCH, MA NON NELLE OPPORTUNE SEDI

Mentre le Parti Sociali attendono ancora di essere convocate dal Comune di Roma, circa i presunti tagli al settore sociale previsti nel bilancio 2021, proseguono gli annunci stampa e social degli Amministratori capitolini su non meglio specificati chiarimenti “dati alla mano” forniti nelle settimane passate.
Da ultimo è stata la stessa Sindaca Raggi, in una diretta Twitch del 17 febbraio sul canale Ivan_Grieco, a ricordare come la questione sia stata già chiarita con Sindacati e Cooperative e che, per il 2021, non siano previsti tagli al bilancio per il settore sociale.
Urge pertanto sottolineare nuovamente che, nella riunione del 14 gennaio 2021 tenuta tra il Gabinetto della Sindaca Raggi, la Ragioneria Generale, l’Assessorato al Bilancio, l’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale, i Direttori dei Dipartimenti Scuola e Sociale di Roma Capitale e i rappresentanti delle Sigle Sindacali e delle Centrali Cooperative, l’Assessore Lemmetti ha fornito solo generiche rassicurazioni circa un mantenimento degli “stessi livelli di spesa per i servizi sociali erogati dal Dipartimento e dai Municipi nel 2020”.
A lasciare interdetti è proprio questo punto, che nelle intenzioni di Roma Capitale dovrebbe risultare chiarificatore, visto che i servizi sociali erogati nel 2020 sono stati evidentemente ridotti a causa della pandemia e della mancata rimodulazione degli stessi da parte dei Municipi. Di fatto il Comune, ripetendo in ogni sede questa affermazione, continua a confermare la possibilità del taglio agli stanziamenti per il 2021.
L’unica comunicazione ufficiale arrivata, ad oggi, è una lettera con parziali delucidazioni in merito ad un’integrazione di fondi contenuta in un maxi emendamento al bilancio, che ha sancito i tagli nella prima stesura dello stesso come dalle Parti Sociali denunciato.
Il presidio sotto l’Assessorato del 13 gennaio e la successiva manifestazione in piazza del Campidoglio del 27 gennaio dovrebbero aver reso evidente, al di là dei reiterati proclami, che la situazione non è assolutamente chiarita. A chiedere spiegazioni, nelle scorse settimane, sono stati perfino gli stessi Municipi e alcuni Consiglieri comunali, appartenenti anche allo stesso M5S.
Agci Solidarietà Lazio, Confcooperative Federsolidarietà Lazio e Legacoopsociali Lazio, con l’occasione, rinnovano al Comune di Roma la propria richiesta di incontro, ancora non avvenuto né calendarizzato, per definire una volta per tutte e nelle opportune sedi una questione che incide in maniera preponderante sul futuro dell’intera città.

news, sociale

REGIONE LAZIO: APPROVATA LA LEGGE SULLE COOPERATIVE DI COMUNITÀ, GRAZIE AL LAVORO CONGIUNTO TRA ISTITUZIONI E CENTRALI COOPERATIVE

Il 10 febbraio 2021 il Consiglio Regionale del Lazio ha definitivamente approvato la Proposta di Legge regionale n.176 “Disposizione in materia di cooperative di comunità”.
AGCI Lazio, Confcooperative Lazio e Legacoop Lazio rinnovano i ringraziamenti alla Consigliera e Presidente della Commissione lavoro, Eleonora Mattia, come prima firmataria della PL e alla Regione Lazio tutta, per il grande lavoro di ascolto e concertazione svolto nei mesi passati.
Quella sulle Cooperative di Comunità è una legge che si aspettava da tempo, per concedere una nuova vita ai tanti borghi che negli anni hanno subito fortemente lo spopolamento, aree interne, ma anche zone montane, che sono essenziali alla vita culturale ed economica della Regione e la cui importanza è stata riscoperta specie in tempi di pandemia, che ha visto forti trend di uscita dai grandi centri urbani.
C’è poi tutto il tema delle periferie, specie in una città come Roma, che possono essere ripensate e riqualificate a partire da esperienze territoriali virtuose, messe in rete e adeguatamente supportate.
“Con questa legge la Regione Lazio compie una scelta coraggiosa e di visione, che arriva dopo un anno drammatico in cui molte comunità sono state messe in difficoltà – ha commentato Eleonora Mattia, subito dopo l’approvazione della Legge in Consiglio Regionale – Quando ho presentato la proposta non avrei mai immaginato di vederla approvare in questo contesto, ma ora più che mai sono convinta della necessità di queste disposizioni.”
“L’approvazione di questa Legge testimonia, ancora una volta, che Istituzioni attente e pronte all’ascolto sono in grado di raggiungere grandi risultati anche in periodi drammatici come quello che stiamo vivendo – hanno commentato congiuntamente i Presidenti di AGCI Lazio, Marino Ianni, Confcooperative Lazio, Marco Marcocci, e Legacoop Lazio, Placido Putzolu – Questa legge serviva, proprio ora: adesso abbiamo uno strumento in più per incidere sull’economia reale della Regione, partendo dalle esigenze dei cittadini e supportandoli in una nuova idea di sviluppo che parte dal basso.”